📁
Bielorussia
Bielorussia > Economia

Sviluppo sociale ed economico

Sviluppo sociale ed economico della Repubblica di Bielorussia

Negli ultimi anni la Repubblica di Bielorussia continua a rafforzare le posizioni di avanguardia tra i paesi della CSI e dell’Europa per il dinamismo della crescita economica.

Nel primo semestre 2005 è stata registrata un sostanziale incremento di diversi indicatori di sviluppo economico. Rispetto allo stesso periodo del 2004:

il prodotto interno lordo è aumentato del 8,9 %;
la produzione industriale è cresciuta del 10,5 %;
la produzione agricola è salita del 10,1 %;
la produzione dei beni di largo consumo è incrementata del 10,2 %;
l’aumento di investimenti nel capitale fisso è stato pari al 119,1 %;
il giro d’affari del commercio estero in merci e servizi è cresciuto del 10,6%, di cui le esportazioni sono avanzate del 19,5 %;
per la prima volta negli ultimi anni il paese ha registrato un saldo positivo del commercio internazionale in merci pari a US $ 294,4 mln.
Una considerevole crescita economica e il suo impatto positivo sullo sviluppo sociale del paese sono state confermate dalla Banca Mondiale nel rapporto economico "Bielorussia: la finestra delle opportunità per l’incremento della competitività e l’assicurazione dei tempi della crescita economica" (10.06.2005). Nel rapporto, in particolare, viene evidenziato che i vantaggi della crescita economica sono state largamente condivise da diversi ceti della popolazione. La struttura della crescita economica bielorussa non è tipica dei paesi con l’economia in fase di trasformazione, e la popolazione ne è stata vantaggiata in misura superiore rispetto a quella dei paesi vicini. Le conclusioni citate confermano in modo imparziale il carattere progressivo dello sviluppo economico di Belarus.

Per molti indicatori sociali ed economici la Repubblica di Bielorussia differenzia in modo piuttosto positivo da altri paesi della CSI ed altri paesi con l’economia in trasformazione. In particolare, il livello della disoccupazione che alla fine di giugno 2005 è stato del 1,7 % rispetto al totale dell’occupazione economicamente attiva, è il più basso di paesi della CSI e dell’Europa Orientale.

Nel recente rapporto del Fondo Monetario Internazionale dedicato alla situazione economica in Bielorussia sono contenute le valutazioni positive dello sviluppo economico del paese.  Nell’annotazione del rapporto pubblicato del FMI il 1 agosto 2005 viene segnato che lo sviluppo dell’economia bielorussa ha il carattere stabile proprio perché la politica economica del paese è indirizzata verso l’aumento di ricavi della popolazione. Grazie al budget bilanciato, tasso di cambio stabile e la crescita di fiducia nei confronti delle banche e della moneta nazionale è stato contenuto il livello dell’inflazione, viene registrata la crescita delle riserve valutarie, il debito nazionale è ai bassi livelli, nella meta del 2005 c’è stata la riduzione del deficit del saldo corrente della bilancia dei pagamenti.

Secondo i dati dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura:

sullo sfondo del rallentamento della crescita di produzione agricola pro capite nei paesi sviluppati dell’Europa Orientale  (inclusi sia i vecchi sia i nuovi membri della CE) e nei paesi della CSI viene registrata una stabile tendenza di aumento di questo indicatore in Bielorussia;
l’indicatore della produzione agricola pro capite nel 2003 (quale livello di base è stato scelto il livello di produzione negli anni 1999-2001) in Belarus è stato pari al 110,8 %, mentre in Italia – 91,3 %; Austria – 91,7 %; Francia – 93,0 %; Germania – 93,1 %; Grecia – 96,7 %; Gran Bretagna – 96,7 %; Portogallo – 97,3 %; Spagna – 106,2 %; Repubblica Ceca – 90,6 %; Repubblica Slovacca – 91,0 %; Ungheria – 95,3 %; Polonia – 97,4 %; Bulgaria – 102,8 %; Romania ‘ 106,0 %; Slovenia – 106,4 %; Lituania – 109,6 %; Lettonia – 111,0 %; Ucraina – 95,6 %; Georgia – 110,0 %; Russia – 110,4 %; Stati Uniti – 97,6 %.
alla pari dei paesi sviluppati Belarus fa parte del gruppo delle nazioni in cui la quota della popolazione che avverte carenze di viveri alimentari è inferiore al 2,5 % del totale della popolazione, mentre in Ucraina la quota della popolazione non provvista in modo sufficiente del cibo è del 3 %; in Lettonia, Russia – 4 %; Slovacchia, Estonia – 5 %; Kyrghyzstan – 6 %; Croazia – 7 %; Bosnia e Erzegovina – 8 %; Turkmenistan – 9 %; Bulgaria, Cina, Moldova – 11 %; Kazakhstan – 13 %; Azerbaijan – 15 %; Uzbekistan – 26 %; Georgia – 27 %; Armenia – 34 %; Tajikistan – 61 %.
Secondo il rapporto del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo sullo sviluppo della persona nell’anno 2005 Belarus ha conservato le posizioni d’avanguardia tra i paesi della CSI nei settori di istruzione e sanità pubblica e per alcuni indicatori supera anche molti paesi sviluppati. In particolare il nostro paese:

per la quota della spesa pubblica indirizzata all’istruzione (6 %) cede solo a 12 paesi dei 57 che dimostrano un elevato livello di sviluppo umano, superando tali  paesi sviluppati come Australia (4,9 %), Canada (5,2 %), Olanda (5,1 %), Stati Uniti (5,7 %), Giappone (3,6 %), Irlanda (5,5 %), Svizzera (5,8 %), Regno Unito (5,3 %), Francia (5,7 %);
supera tutti i paesi della CSI per l’indicatore dell’alfabetismo della popolazione adulta (99,6 %) e degli adolescenti (99,8 %);
per la quota della spesa pubblica indirizzata alla sanità (4,7 %) supera 22 paesi dei 57 nel gruppo dei paesi con elevato livello di sviluppo umano, inclusi Polonia (4,4 %), Bulgaria (4,4 %), Lettonia (3,3 %), Lituania (4,3 %) e Estonia (3,9 %);
per la spesa pubblica pro capite con l’indicatore di US $ 583 annui è tra i primi nei paesi della CSI (Russia  - $ 535, Ucraina - $ 210, Kazakhstan - $ 261, Armenia - $ 232) e spende sulla sanità più di 10 paesi ad alto livello di sviluppo umano, inclusi Lituania ($ 549), Lettonia ($ 477), Bulgaria ($ 499);
per il numero dei medici per ogni mille persone (450) supera sostanzialmente tutti i paesi della CSI (Russia – 417, Ucraina – 297) e cede solo a 3 paesi (Stati Uniti, Italia, Cuba) dei 57 del gruppo dei paesi ad alto livello di sviluppo umano;
registra i migliori indicatori tra i paesi della CSI per quanto riguarda la lotta contro la mortalità infantile (13 casi ogni 1000 neonati) e la mortalità dei bambini di età inferiore a 5 anni (17 casi ogni 1000 neonati). Per il primo degli indicatori citati il nostro paese supera 7 paesi, per il secondo – 6 paesi ad alto livello di sviluppo umano;
l’indicatore della popolazione sottonutrita in Belarus (2 %) è inferiore a tutti i paesi della CSI e 14 paesi ad alto livello di sviluppo umano.
Secondo il rapporto della Conferenza delle Nazioni Unite per il Commercio e lo Sviluppo "Lo strappo digitale: gli indicatori di sviluppo di ICT 2004", Belarus per il livello di diffusione delle tecnologie d’informazione e di comunicazione è al primo posto nella CSI e al 55° posto nel mondo, mentre Kazakhstan si trova al 71° posto, Moldova – al 78°, Armenia – al 81°, Azerbaijan – al 90°, Uzbekistan – al 92°, Russia – al 94°, Ucraina – al 111°.

Argomenti nella stessa categoria